L'inviata de 'Le Iene' Nadia Toffa sta meglio, le prima parole dopo il malore: 'Tengo duro'Avere le gambe perfette (e gli attributi) del David di Michelangelo? Si può


'Riccardo va all'inferno', Il Riccardo III di Shakespeare diventa dark con Massimo Ranieri

Data pubblicazione : 04/12/2017



´Riccardo va all´inferno´ non è un semplice adattamento del Riccardo III di Shakespeare da aggiungere agli innumerevoli precedenti.

Si tratta di una versione musical del dramma shakespeariano che, partendo da personaggi e intreccio originale elabora il lavoro del grande drammaturgo in chiave grottesca e psichedelica, superando i confini del tempo e intercettando la contemporaneità, ambientandolo in una periferia romana surreale, decadente e ponendo le figure femminili aldilà di un ruolo passivo.


La locandina di ´Riccardo va all´inferno´

"Mi piaceva l’idea di calare la storia in questo mondo che sta cadendo a pezzi", ha spiegato a Rolling Stone Italia la regista Roberta Torre, che ha presentato il film al Torino Film Festival. "Anche Roma in realtà non è Roma ma una città immaginaria che diventa forse un po’ la mia visione dell’oggi, in cui c’è il sublime ma anche delle cose sordide. Tutto si sta sgretolando, come la tappezzeria della stanza della Regina Madre."

A interpretare il musical un inaspettato Massimo Ranieri: capelli rasati a zero, vampiresco e horror, l´artista mette in atto una una vera e propria metamorfosi, per calarsi nella parte di un Riccardo squilibrato, reduce da un ospedale psichiatrico, pronto a tutto per conquistare il potere.


Riccardo va all´inferno / Facebook

"Visto che si trattava di un film con un impianto musicale molto forte", ha detto ancora la Torre, "abbiamo pensato all’unico possibile artista italiano che canta, balla e recita: Massimo Ranieri. Ci sembrava un sogno pensare di avere una voce così importante potendola cambiare, potendola lavorare."

Le musiche sono di Mauro Pagani, ex PFM che ha collaborato con i più grandi muscicisti italiani e ha già composto differenti colonne sonore. Particolarmente prolifica la sua collaborazione con Gabriele Salavtores, con cui ha collaborato in tre film: ´ Sogno di una notte d´estate ´, ´Puerto Escondido´ e ´Nirvana´.


Roberta Torre / Facebook

Sul set insieme a Ranieri ci sono Sonia Bergamasco nel ruolo della regina madre e poi Silvia Gallerano, Silvia Calderoni, Michelangelo Dalisi, Ivan Franek e Tommaso Ragno.

Roberta Torre, regista siciliana 55enne, ha all´attivo otto pellicole, tra cui ´Angela´ e ´Mare nero´ e ´Tano da morire´ e ´Sud Side Stori´, due musical. 

"Da sempre vedo il musical come la mia possibilità espressiva" ha detto la Torre. "Quella che sento più vicina alla mia voglia di raccontare. Amo il melodramma, sono sempre stata una grande appassionata di opera e credo che, se non tracciamo una divisione tra cinema e teatro, alla fine il musical sia molto di più nel DNA italico di quanto non si pensi."




Gli Ultimi Video & Gallery