Prince, annunciati i risultati ufficiali dell'autopsia: 'Morte per overdose accidentale da oppiacei'Laura Pausini torna a San Siro dopo nove anni: doppio live a Milano stasera e domani


Addio a Muhammad Ali, muore a 74 anni la leggenda del pugilato

Data pubblicazione : 04/06/2016



E´ morto Muhammad Ali, leggenda dello sport e campione dei diritti civili. L´ex pugile è deceduto all´ospedale di Phoenix, dove era stato ricoverato alcun giorni fa per problemi respiratori.

L´ex atleta aveva 74 anni e da circa 30 soffriva del morbo di Parkinson. Ali, che aveva assunto questo nome dopo essersi convertito all´Islam a metà degli anni ´60, all´anagrafe era Cassius Marcellus Clay Jr. ed era nato a Louisville il 17 gennaio 1942.



Indimenticabili i suoi combattimenti sul ring, uno spettacolo che iniziava prima di salire sul quadrato e non finiva con il gong, perché Ali era in grado di combinare forza, intelligenza e anticonformismo calamitando l´attenzione delle masse.

Particolarmente memorabili i tre match con il suo rivale per eccellenza Joe Frazier, che vinse per due volte e con cui c´era un grandissimo rispetto reciproco che andava aldilà della rivalità.

Ali era poi anche campione dei diritti civili, attivo da sempre in difesa delle minoranze. Fece epoca anche la sua posizione pacifista, quando si rifiutò di combattere in Vietnam e per questo gli venne ritirata la licenza pugilistica dal governo.



"Non ho niente contro i Vietcong, loro non mi hanno mai chiamato negro" disse, quando gli chiesero i motivi del suo rifiuto a indossare la divisa.

Ali si sposò quattro volte e lascia nove figli, sette femmine e due maschi. due delle figlie sono frutto di relazioni al di fuori del matrimonio.

Anche se la discussione sul fatto che altri pugili nella storia gli siano stati tecnicamente superiori è infinita, su una cosa tutti sono concordi: Muhammad Ali è stato il più grande sportivo dell'età moderna.




Gli Ultimi Video & Gallery