Checco Zalone dice no a Sanremo: 'Non voglio soldi pubblici, mi massacrerebbero'Celebrità che stanno per compiere 30 anni


Addio al Maestro Ettore Scola

Data pubblicazione : 20/01/2016




Mondo della cultura italiano e internazionale in lutto. E´ morto Ettore Scola. Il grande regista e sceneggiatore aveva 84 anni.

Indelebile l´impronta che Scola ha lasciato nel cinema, con le sue commedie in grado di raccontare il Paese, i suoi mutamenti e le sue differenti realtà come pochi altri artisti hanno saputo fare.

Nato a Trevico in provincia di Avellino il 10 maggio del 1931, Scola esordì alla regia nel 1964 con ´Se permettete parliamo di donne´, che già annoverava un cast con nomi del calibro di Walter Chiari, Vittorio Gassman, Gigi Proietti e Sylva Koscina.

Tra i suoi capolavori ´Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?´ del 1968, ´Dramma della gelosia, tutti i particolari in cronaca´ del 1969, ´C’eravamo tanto amati´ del 1974, ´Brutti, sporchi e cattivi´ del 1976, ´Una giornata particolare´ del 1977, ´I nuovi mostri´ del 1979 e ´La terrazza´ del 1980.

Il suo ultimo lavoro era stato ´Che strano chiamarsi Federico – Scola racconta Fellini´  del 2013, un omaggio da maestro a maestro..

Scola era inoltre un grande sceneggiatore, autore di copioni come quelli del ´Il conte Max´, ´Il sorpasso´, ´Il mattatore´, ´Un americano a Roma´ e ´I mostri´.

Aveva collaborato anche con Totò: "Il mio primo e unico Oscar lo vinsi quando il Principe rise leggendo le battute che avevo scritto per lui" aveva detto Scola in un´intervista.

Scola era stato candidato alla statuetta dell´Academy quattro volte e aveva vinto il Festival di Venezia nel 1976 per la regia di ´Brutti, sporchi e cattivi, oltre a otto David di Donatello, tra cui quello alla carriera.




Gli Ultimi Video & Gallery