Metti la celebrità al posto del tuo ex nelle vecchie foto FacebookAdriano Celentano e Mina, un nuovo disco di inediti insieme dopo 18 anni


Eredità di Alberto Sordi, 10 rinvii a giudizio per circonvenzione di incapace ai danni della sorella

Data pubblicazione : 20/10/2015




Sono 10 i rinvii a giudizio decisi dalla procura di Roma per il presunto raggiro avvenuto ai danni della sorella di Alberto Sordi, Aurelia, scomparsa nell´ottobre dello scorso anno.

I principali imputati del processo, che avrà iniziò nel febbraio 2017, sono accusati del reato di circonvenzione di incapace, per aver agito allo scopo di far firmare una delega alla sorella del grande attore con l´obiettivo di impadronirsi di una cifra intorno ai 2.5 milioni di euro, pari a circa il 10-15% dell´intera eredità.

A mettere in atto il piano sarebbero stati l´autista della famiglia Sordi Arturo Artadi, il notaio Gabriele Sciumbata e i due avvocati Francesca Piccolella e Carlo Farina.

I restanti imputati sono invece accusati di ricettazione e sono tutti ex dipendenti della famiglia Sordi: una badante, un giardiniere, una cuoca, una governante e due camerieri.

Fortunatamente comunque, a prescindere dall´andamento del processo, la contesa sull´eredità  dell'attore romano è definitivamente conclusa. Nel suo testamento, redatto già nel 2011, Aurelia Sordi ha infatti destinato l´intero patrimonio del fratello alla Fondazione Museo Alberto Sordi.

La Fondazione, nel giugno scorso ha presentato un progetto per far diventare la villa di Alberto Sordi, ubicata in Via Druso, con vista mozzafiato sulle magnifiche Terme di Caracalla, un museo accessibile a tutti gli italiani.




Gli Ultimi Video & Gallery