Luca Seta: in viaggio con KerouacEddie Murphy papà per la nona volta, la fidanzata Paige Butcher è incinta


Gigi D'Alessio rinviato a giudizio per rapina, lui: 'Paradossale e infondato'

Data pubblicazione : 05/11/2015




Gigi D´Alessio andrà alla sbarra accusato di rapina. Il cantante napoletano, 48 anni, dovrà presentarsi in tribunale il 25 febbraio 2016, quando inizierà l´udienza davanti ai giudici della prima sezione penale di Roma.

Il reato di cui è imputato D´Alessio risale al 2007, quando secondo l´accusa, il cantante e il suo collaboratore Antonio De Maria - anche questi rinviato a giudizio - aggredirono dei paparazzi strappando loro le macchine fotografiche. Il fatto avvenne all´Olgiata, di fronte alla villa romana di D´Alessio.

In quel frangente, i fotografi erano anche rimasti feriti, ma il cantante, accusato di lesioni, dopo una condanna in primo grado a nove mesi di carcere era poi stato assolto in appello, anche se i giudici avevano ritenuto di rimandare l´incartamento in procura per la riformulazione dell´ipotesi di reato in rapina.

"Sono davvero colpito dalla decisione della Magistratura" ha fatto sapere il cantante "Ciò che trovo davvero paradossale è di essere stato rinviato a giudizio per una inesistente rapina che consisterebbe, pensate un pò, nell´avere strappato di mano alcune macchine fotografiche appartenenti a paparazzi che, violando la mia privacy, riprendevano me e la mia compagna senza autorizzazione alcuna."

"Di fronte a quanto succede in Italia" continua D´Alessio "questo rinvio a giudizio darà luogo ad un processo che, come dice uno dei miei difensori Francesco Compagna, al quale va il mio ringraziamento, è infondato giuridicamente anche se sarà di grande effetto mediatico."

Per D´Alessio, sul fronte giudiziario, in questo periodo piove sul bagnato. A inizio ottobre infatti, è stato indagato dal fisco per una sospetta evasione fiscale da un milione di euro.  in quel caso però il cantante era stato più conciliante: "È giusto che la magistratura faccia le verifiche che riterrà opportune" aveva detto, aggiungendo: "Resto, come è naturale che sia, a disposizione dell´Autorità giudiziaria."




Gli Ultimi Video & Gallery