Realtà aumentata fai da teE' morta Liliane Bettencourt, presidente del gruppo L'Oréal e donna più ricca del mondo


Orietta Berti non è un'azienda, il fisco le rimborserà l'Irap dal 1998 a oggi

Data pubblicazione : 21/09/2017



Non di rado su queste pagine si legge di artisti che hanno grane con il fisco, ma questa volta è il contrario. E´ il fisco ad avere delle grane con una celebrità.

Orietta Berti, 72 anni, ha infatti vinto in cassazione un ricorso con l´Agenzia delle Entrate che dovrà adesso rimborsare l´Imposta regionale sulle attività produttive (Irap) versata dalla cantante dal 1998 a oggi, una cifra che ammonta a decine di migliaia di euro.


Orietta Berti / Facebook

Il legale della Berti è riuscito a dimostrare che figure come quella dell´agente, delle segretarie ecc. sono state sempre per l´artista occasionali e che dunque non si configura una sorta di ´Orietta Berti SpA´.

"Aveva pagato troppe tasse; decine di migliaia di euro", si legge in un articolo del Corriere della Sera. "La presunzione che l’Orietta nazionale, mezzo secolo di carriera con 11 partecipazioni a Sanremo, fosse circondata da una struttura stabile o che godesse di un valore aggiunto frutto dell’organizzazione e del lavoro altrui, è definitivamente caduta."


Orietta Berti / Facebook

La Berti, nei primi due gradi di giudizio aveva perso, ma adesso è arrivato l´irrevocabile giudizio della Cassazione e lo Stato dovrà pagare senza più possibilità di appello.

Non è la prima volta che un artista ricorre contro il fisco per il pagamento dell´Irap. In passato lo avevano fatto nomi come Michelle Hunziker, Bianca Balti, Luca Laurenti e Alba Parietti, che erano poi stati esentati dal pagamento dell´Irap.




Gli Ultimi Video & Gallery