Sale l'attesa per Blade Runner 2049, online il nuovo spettacolare trailer ufficiale in italianoLe ali delle farfalle fotografate con la tecnica macro diventano splendidi quadri astratti


Un plico di lettere segrete potrebbe riaprire il caso della morte di Michael Jackson

Data pubblicazione : 09/05/2017



Sono passati otto anni dalla morte di Michael Jackson, ed è stato anche celebrato un processo che ha visto la condanna del medico personale dell´artista, ma intorno alla scomparsa del re del pop sussistono congetture e ipotesi che vanno aldilà dell´ufficialità.

A contribuire e ad alimentare le dietrologie ci sono le recenti dichiarazioni della figlia di Jackson, Paris, che ha detto senza mezzi termini di ritenere che il padre sia stato ucciso. E adesso, proprio in seguito a quelle dichiarazioni, spunta anche un plico di lettere segrete in possesso di un amico dell´artista scomparso.


Michael Jackson / Facebook

L´uomo, che si chiama Michael Jacobshagen ed era un amico di vecchia data del cantante, sostiene di aver ricevuto da Jackson, poche settimane prima della morte, degli scritti in cui il re del pop esprime il suo timore di essere ammazzato: "Stanno cercando di uccidermi” si leggerebbe in una della lettere.

Jacobshagen, che è uscito allo scoperto dopo le dichiarazioni di Paris, ha raccontato i fatti nel corso di un’intervista rilasciata allo show televisivo australiano Sunday Night: "Michael mi chiamò da Las Vegas dicendomi di temere per la sua vita, era nel pieno di un crollo emotivo" ha spiegato l´uomo, aggiungendo che pochi giorni dopo gli consegnò le lettere.


Michael Jackson / Facebook

Il re del pop morì il Il 25 giugno 2009, quando stava per compiere 51 anni, dopo aver avuto un malore nella sua casa di Los Angeles.

L´autopsia rivelò che la morte del musicista era avvenuta per l´assunzione in dose eccessiva di un sonnifero, somministratogli dal medico personale, Conrad Murray, che nel 2011 è stato condannato a quattro anni di carcere per omicidio colposo.




Gli Ultimi Video & Gallery