C'è la crisi: Bon Jovi rinuncia al suo compenso per il concerto in SpagnaEcco il teaser trailer ufficiale italiano di 'Hunger Games - La Ragazza di Fuoco'


Vasco Rossi: 'Grazie all'affetto della famiglia e dei fan ho evitato il suicidio'

Data pubblicazione : 31/05/2013




Vasco Rossi in un'intervista a Repubblica parla della sua malattia e di quando nel settembre 2012 il batterio killer dello streptococco che aveva aggredito il suo miocardio stava per ucciderlo. Il Blasco racconta la difficile esperienza a pochi giorni dalla ripresa del suo tour, che partirà il 9 giugno da Torino e che ha già registrato il sold out in tutte le date.

"L'11 settembre dello scorso anno ho avuto la terza ricaduta, ho dovuto fermarmi, è stata pesantissima ma ora tutto è superato" dice il rocker "Sono stato di nuovo in terapia intensiva, attaccato alle flebo, ho perso conoscenza per tre giorni, poi venti giorni di cure e la riabilitazione".

Vasco spiega poi quanto sia andato vicino alla morte: "Questo streptococco vive normalmente sulla pelle ma quando trova una ferita o un'infiammazione entra in circolo e se ti trova con le difese immunitarie basse, comincia a distruggere tutto sino a farti fuori in un mese".

"Negli ultimi tempi ero stanco di tutto, le dimissioni da rockstar erano figlie di questo sentimento" dice ancora il musicista "In realtà volevo decostruire, volevo tornare al Vasco Rossi che scrive le canzoni, abbandonare il ruolo della rockstar, che è fatto di gesti e modi di essere, di luci. Volevo tornare ad essere il cantautore che sono. Ho pensato anche al suicidio. Ma non ho visto la luce nella fede, mi ha aiutato l'affetto della mia famiglia, dei fan, mi è stato di conforto Internet".

E poche ore fa, per sottolineare ulteriormente quanto questa dura esperienza sia da considerarsi come una brutta faccenda del passato, e che ormai guardi al futuro con ancora maggior forza di prima, Vasco ha postato sul suo profilo Facebook una frase di Nietzsche: “Ciò che non mi uccide mi rende più forte”.




Gli Ultimi Video & Gallery