Harry Styles annuncia ufficialmente il suo primo album da solistaClassifica dei Borghi d'Italia, il più bello è Venzone in Friuli-Venezia Giulia


Oggi l'ultimo addio a Gianni Boncompagni: 'Cerimonia laica, breve e intima'

Data pubblicazione : 18/04/2017



Sarà allestita oggi a Roma a partire dalle 12 nella sede Rai di via Asiago, la camera ardente per Gianni Boncompagni. L´autore televisivo e radiofonico è morto il giorno di Pasqua, all´età di 84 anni.

La figlia di Boncompagni, Paola, ha fatto sapere che non ci saranno funerali religiosi, ma unicamente una cerimonia laica e intima.

"Sarà una cerimonia breve e sobria" ha spiegato Paola Boncompagni al quotidiano La Stampa "con l’intervento di alcuni amici che ricorderanno papà." ha aggiunto.



Gli italiani che potranno e che lo vorranno, avranno dunque la possibilità di portare il loro ultimo saluto in Via Asiago a uno dei più grandi innovatori della radio e della televisione nazionale.

Boncompagni è stato autore di programmi radiofonici come ´Alto Gradimento´ e ´Bandiera Gialla´, nonché di trasmissioni televisive come ´Discoring´, ´Pronto, Raffaella?´ con Raffaella Carrà, anche sua compagna di vita per molto tempo e poi di´Domenica In´ e ´Carramba´.

In Mediaset ha realizzato lo storico programma ´Non è la Rai´ che ha lanciato ´Ambra Angiolini´ e tante altre giovani ragazze diventate poi attrici e showgirl.

"Se n´è andato il giorno di Pasqua...è stato un genio anche nel salutarci" ha scritto la Angiolini in un post Instagram, in allegato a una foto che la vede ritratta insieme a Boncompagni ai tempi di ´Non è la Rai´.



"Grazie da una ragazzina normale che tu hai fatto in modo che crescesse con il coraggio di essere diversa da tutto, nel bene e nel male" ha poi aggiunto l´attrice "Sei ovunque."

Soprattutto in radio, Boncompagni aveva collaborato a lungo con un altro grande protagonista della radio e della televisione italiana, Renzo Arbore.



"La nostra amicizia è nata quando avevamo all´incirca 25 anni" ha raccontato Arbore "Un´amicizia non conclusa ora che eravamo più vicini agli Ottanta che ai Settanta, come diceva sempre lui con il suo straordinario spirito toscano."

"Aveva una visione moderna della vita, un senso d´umorismo all´avanguardia" ha ancora aggiunto Arbore "Una visione che lo ha portato a rivoluzionare la radio e la tv. Spero di essergli stato utile con il mio atteggiamento più riflessivo e romantico."




Gli Ultimi Video & Gallery